CLEVER DIET – L’ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE

Quante volte si lascia a metà una dieta? Oppure quante volte non riusciamo a rispettarla perché ci troviamo in situazioni che non lo consentono? Peggio ancora, quante volte cadiamo nell’illusione delle “diete lampo” sull’onda dell’ultima moda? Ecco che la Clever Diet nasce da un’ampia riflessione sulle dinamiche che oggi caratterizzano le nostre abitudini alimentari e vuole fornire alle persone gli strumenti utili per mangiare in modo consapevole.

L’IDEATORE: IL DOTT. CARLO BERTOLI

Specializzato in Endocrinologia e Malattie del Ricambio ad Indirizzo Diabetologico e in Scienza dell’Alimentazione, Carlo Bertoli è l’ideatore di uno speciale Sistema Dietetico Interattivo caratterizzato da un software tarato in modo univoco su ogni singolo paziente. Nulla a che vedere con le diete on line, al contrario, in un mondo che tende a spersonalizzare i rapporti, ritiene insostituibile il rapporto medico-pazientene indiretta che lo circondano.

COS’È IL SISTEMA DIETETICO INTERATTIVO

Clever Diet nasce nel 2001 con l’ambizione di essere in primo luogo uno strumento di formazione per il paziente che partecipa in maniera attiva alle scelte di alimentazione e viene facilitato nella gestione del proprio regime dietetico con riferimenti precisi ad alimenti presenti sul mercato.

Il Database raccoglie i dati di più 1700 alimenti che derivano in parte dalle Tabelle di Composizione degli Alimenti dell’INRAN (Ed. EDRA-2000) ed in parte dalle informazioni nutrizionali riportate sulle confezioni. Nei limiti del possibile, i sistemi di calcolo prevedono le porzionature degli alimenti in vendita sul mercato. Il Sistema Dietetico Interattivo è inoltre in grado di operare sostituzioni automatiche tra gli alimenti mantenendo nella dieta lo stesso apporto calorico e le proporzioni di nutrienti.

I clienti di MediBeProject potranno accedere al sistema interattivo cliccando sul seguente link: http://www.cleverdiet.it/AreaUtenti_ext.asp 

PERCHÉ CLEVER DIET

La riflessione da cui parte il dottor Bertoli riguarda la confusione alimentare che regna nella società di oggi e che, invece di trovare chiarezza nel mondo del web, si è ulteriormente amplificata, vittima di qualunquismi e strumentalizzazioni dettate dal guadagno e dalle mode. Il risultato è quasi sempre un consumatore che non sa decifrare le diete proposte davanti alle corsie del supermercato, in un caso credulone, nel caso opposto comprensibilmente sospettoso per via dei continui messaggi di persuasione indiretta che lo circondano.